be_ixf;ym_202206 d_29; ct_50
CHIUDI
F1 Bahrain Pre Season Test
NEWS

PERCHE' DOVRESTI GUARDARE LA F1 NEL 2022

Mar 172022

Nuove piste, nuove auto e una delle stagioni più lunghe nella storia della F1. Cosa non va? Il Campionato del mondo di Formula 1 FIA 2022 è destinato a essere una stagione da record assoluto e una stagione che squadre e fan non vedono l'ora di iniziare.

Corse fuori dalla linea di partenza con un doppio lungometraggio caldo e polveroso in Medio Oriente; Bahrain e poi Arabia Saudita; sono le prime due sedi ad ospitare una nuovissima griglia di F1 in azione. Da lì è una corsa non-stop di Gran Premi che salta tra Australia, Europa, Stati Uniti e Asia, con almeno due gare al mese, ogni mese, fino a metà novembre.

Con così tanto da aspettarci, abbiamo selezionato alcuni momenti salienti in previsione della stagione epica a venire.


 

LEWIS IS BACK

 

Cominciando dall'inizio. Nelle stesse parole di Sir Lewis: "Sono andato. Ora sono tornato!”. Dopo una stagione tesa e controversa nel 2021, il sette volte campione del mondo si è preso una pausa tra dicembre e gennaio, inclusa una notevole assenza dai suoi canali di social media solitamente attivi. Molti hanno ipotizzato il ritiro o un enorme cambiamento di carriera, ma per Lewis è stata un'opportunità per ricaricarsi, pronto a combattere contro i suoi rivali e tentare di inchiodare un incredibile ottavo titolo di Campionato Piloti. Il campione è tornato e non potremmo essere più felici di vederlo tornare in azione.

NUOVA AERODINAMICA

 

È la più grande revisione dei regolamenti della F1 dal 2014, quando lo sport ha voltato le spalle agli urlanti motori V8 aspirati, a favore dei propulsori ibridi turbo da 1,6 litri. In effetti, le nuove regole dovevano essere in vigore per la scorsa stagione, ma sono state ritardate a causa della pandemia globale causata dal Covid-19. Si spera che una riprogettazione totale delle vetture porti imprevedibilità e più sorpassi ad ogni Gran Premio. L'idea è di spingere il flusso di "aria sporca" - il flusso d'aria che esce da un'auto davanti - verso l'alto e lontano dalle auto che seguono in modo che possano rincorrersi più vicino in pista. Quindi cosa è cambiato esattamente?

 

Un pavimento effetto terra. L'auto del 2022 ha due lunghi tunnel sotto il pavimento che creano un "effetto suolo", il che significa che c'è più aspirazione sotto l'auto per spingerla nel circuito, assicurando anche che venga generata più carico aerodinamico da sotto l'auto. È interessante notare che il concetto è un po' un ritorno al passato, essendo popolare negli anni '70. Se vuoi saperne di più, dai un'occhiata alle classiche F1 Lotus 78 e 79.

 

Un corpo semplificato, alettone anteriore e un nuovo alettone posteriore. Questi non solo hanno un aspetto liscio, ma le parti totalmente nuove delle auto del 2022 sono state progettate per interrompere l'invio del flusso d'aria verso l'esterno e ora attenuano e limitano la turbolenza. Le auto con specifiche del 2022 sono dotate anche di un'ala posteriore curva, che mantiene il sistema DRS mobile, quindi aspettati molta strategia in merito.

 

Pneumatici da 18 pollici con piccole alette extra progettate per allontanarsi dall'ala posteriore - più di quello qui sotto!

CERCHI MAGGIORATI E PNEUMATICI PIU' FREDDI

Come parte dell'enorme riorganizzazione tecnica, le dimensioni degli pneumatici in F1 sono cambiate da 13 pollici a 18 pollici. Inoltre, è cambiato anche il modo in cui i team utilizzano e preparano le gomme.

 

Gli pneumatici più grandi e a basso profilo saranno allungati attorno a 18 cerchi, dando un nuovo aspetto distintivo a tutti e quattro gli angoli della macchina di F1 sulla griglia. Ciò significa che il diametro complessivo è passato da 660 a 720 mm. Pirelli rimane il fornitore ufficiale di pneumatici e porterà tre diversi tipi di pneumatici (mescole) ad ogni gara. Ci sono cinque mescole per pneumatici (dalla C1 più dura alla C5 la più morbida), anche se sono anche completamente diverse dall'anno scorso e presentano una diversa costruzione del pneumatico che è più robusta in modo che i conducenti possano spingere più forte con meno surriscaldamento.

 

Se ciò non bastasse c'è anche il cambio delle temperature delle gomme prima che le vetture entrino in pista. I team potranno riscaldare le gomme solo a 70°C invece dei precedenti 100°C usando le coperte per pneumatici, il che significa una gomma più fredda quando escono dai box, ed è necessario un approccio diverso da parte dei piloti nei loro giri di andata.


 

GEORGE RUSSELL SU UNA FRECCIA ARGENTO

 

L'ultima volta che George si è seduto su una Mercedes-AMG Petronas F1 durante un weekend di Gran Premio è stato in Bahrain nel 2020, e ha quasi vinto la gara. Con tre stagioni alla Williams alle spalle, il pilota 24enne è in una posizione incredibile per lottare per la vittoria - e osiamo dirlo - il titolo? Naturalmente, una cosa è impressionare con la relativa bassa pressione di una guida una tantum, e un'altra cosa è farlo costantemente come pilota ufficiale al fianco di Lewis Hamilton per una squadra che ha vinto il campionato costruttori per le ultime otto stagioni. Sei eccitato? Noi siamo! Rimani aggiornato con George sul suo Instagram.

WEEKEND DI TRE GIORNI

 

Se l'ormai cancellato Gran Premio di Russia verrà sostituito, la F1 avrà 23 gare quest'anno; la stagione più lunga di sempre. Tuttavia, per rendere le cose praticabili per i team, il weekend di gara è stato ridotto. Le prove si svolgeranno ancora di venerdì, ma le due sessioni di un'ora si terranno nel pomeriggio, mentre le verifiche tecniche e il lavoro sui media si svolgeranno venerdì mattina. L'idea è di ridurre la pressione sulle squadre grazie a tre giorni interi di corsa; con il venerdì che spesso è stato uno dei giorni più lunghi per gli equipaggi storicamente a causa di sponsor, media e altri impegni fuori pista.

BENVENUTI A MIAMI

 

Il quinto round che si svolgerà dal 6 all'8 maggio sarà il Gran Premio inaugurale di Miami. Un circuito appositamente costruito di 3,36 miglia (5,41 km) che vanta 19 curve, tre enormi rettilinei e tre zone DRS. Meglio ancora, la nuova sede è stata costruita intorno ai Miami Gardens e all'Hard Rock Stadium; sede della squadra di football dei Miami Dolphins. Aspettati uno spettacolo fantastico mentre gli Stati Uniti vanno alla grande con la sua seconda gara nel calendario di F1.

CONDIVIDI L'ARTICOLO:

CONSIGLIATO

PER TE